Confindustria Brescia
Confindustria Brescia

Password dimenticata?

Confindustria Brescia
Confindustria Brescia
Confindustria Brescia

Un vaccino per tutti

Il progetto “Un vaccino per tutti” è promosso da Confindustria Brescia in accordo con CGIL, CISL e UIL provinciali.
Comunicazione
#News da AIB
Autore
AREA COMUNICAZIONE E CENTRO STUDI
#News da AIB

Cos’è “Un vaccino per tutti”?

CONFINDUSTRIA BRESCIA e CGIL, CISL e UIL con accordo 3 agosto 2021 hanno avviato il progetto “Un vaccino per tutti” con l’obiettivo di:

  • raccogliere fondi destinati all’approvvigionamento di vaccini anti-Covid nei Paesi a risorse limitate
  • incentivare l’adesione alla campagna vaccinale tra le persone che lavorano nelle aziende e i loro familiari

Chi può aderire?

  • le imprese associate a Confindustria Brescia;
  • altri soggetti (persone giuridiche) che ne facciano richiesta motivata;
  • i dipendenti delle aziende aderenti al Progetto;
  • chiunque voglia contribuire alla raccolta fondi con una somma a titolo di erogazione liberale.

Come aderire?

Le imprese associate a Confindustria Brescia possono aderire inviando l’apposito modello (Modulo 1) all’indirizzo: relazioni.industriali@pec.aib.bs.it 

Gli altri soggetti (persone giuridiche) che intendono aderire devono inviare preventiva richiesta (Modulo 2) all’indirizzo: relazioni.industriali@pec.aib.bs.it . Tale richiesta si considererà accolta, per silenzio assenso, decorsi 10 giorni dal ricevimento della stessa.

I dipendenti dei soggetti aderenti possono partecipare compilando e consegnando al datore di lavoro, entro il 31 dicembre 2021, la relativa adesione (Modulo 3).

Chiunque, condividendo le finalità del progetto, può versare alla raccolta fondi una somma a titolo di erogazione liberale.

Quali sono le modalità per contribuire alla raccolta fondi?

La raccolta fondi tra i soggetti aderenti avrà luogo attraverso le seguenti modalità, anche alternative fra loro:

  • Contributo forfettario di 20 euro a carico azienda, per ogni dipendente che abbia concluso il ciclo vaccinale

Inoltre, per incentivare la campagna vaccinale sul territorio, gli stessi lavoratori potranno volontariamente richiedere al datore di lavoro il riconoscimento di un permesso retribuito di un’ora, in aggiunta agli istituti contrattuali e legali, per l’assistenza ai familiari che si sottoporranno all’iter vaccinale anti-Covid19.

  • Un importo pari alla retribuzione di un’ora di lavoro devoluto dai dipendenti su base volontaria, cui si aggiunge un contributo di importo equivalente a carico dell’azienda.
  • Un’erogazione liberale di importo complessivo pari al 150% del valore di ferie/permessi maturati (fino a un massimo di 8 ore), a cui ogni dipendente potrà scegliere di rinunciare decidendo di aderire all’iniziativa.
  • Qualsivoglia persona fisica o giuridica che condivida le finalità del progetto può versare alla raccolta fondi una somma a titolo di erogazione liberale.

Quale organizzazione cura la raccolta e la gestione dei fondi?

MEDICUS MUNDI ITALIA con sede a Brescia, Via Collebeato 26, CAP 25127, CF 98011200171 è l’organizzazione incaricata dalle parti per curare la raccolta dei fondi, la loro gestione anche amministrativa e la loro destinazione all’approvvigionamento dei vaccini anti-Covid19 a favore delle aree geografiche a risorse limitate.

I fondi destinati all’iniziativa andranno versati sul conto corrente bancario appositamente attivato, intestato a MEDICUS MUNDI ITALIA – Un vaccino per tutti Mozambico; presso BANCA ETICA – Agenzia 03 Filiale 1 di Brescia, codice IBAN IT61H0501811200000017092396.

Da quando è operativo “Un vaccino per tutti”?

Dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021.

Ha bisogno di informazioni o assistenza?

Il Settore Lavoro, Relazioni Industriali e Welfare è a disposizione per qualsiasi chiarimento necessario (Tel. 030/2292.247 - Fax 030/2292251 - relazioni.industriali@confindustriabrescia.it - relazioni.industriali@pec.aib.bs.it)